come pulire la rubinetteria
Pulire la rubinetteria di casa: ecco come 
ottobre 23, 2018
quale materiale per il piatto doccia
Piatto doccia quale materiale scegliere
novembre 6, 2018

Come scegliere la termostufa a legna

come scegliere la termostufa a legna

In passato la stufa a legna veniva scelta semplicemente per riscaldare gli ambienti domestici. Oggi, oltre ad essere utilizzata per la sua funzione principale, è divenuta un vero e proprio complemento d’arredo tanto da essere scelta in base alla tipologia di design e stile dell’abitazione in cui verrà posizionata.

In commercio ne esistono diverse tipologie: classica in ghisa o in acciaio, in maiolica o termostufa.

Di seguito ti illustreremo come scegliere la termostufa a legna in pochi e semplici passi.

Come scegliere la termostufa a legna

Come abbiamo già accennato, al momento della scelta di una stufa ti troverai di fronte a diversi criteri che potrebbero metterti in crisi: viste le differenze di prezzo, potrai pensare che una stufa più costosa sia sempre migliore. In realtà non basta valutare il prezzo, perché spesso i questo cresce anche in funzione della tipologia di design.

Va quindi tenuto conto soprattutto della funzionalità, che è poi l’aspetto più importante, della sicurezza dell’impianto, della sua potenziale longevità e della manutenzione di cui necessita nel tempo.

Possiamo dire, quindi che al momento della scelta, dovrai basarti su criteri di qualità che oramai sono divenuti standard e devono essere presenti a prescindere dai materiali e dal design della termostufa in sè. Le possibilità di riscaldamento della stufa dipendono dal sistema che si utilizza per riscaldare; si avrà con un controllo totale sulle temperature senza sprechi o fumi, al contrario dei caminetti.

  1. Per prima cosa devi osservare. Non guardare subito l’estetica, ma osserva la camera di combustione: deve essere tale da permettere la bruciatura ottimale della legna. La grandezza è importante, più la stufa è ampia, più sarà economico l’utilizzo della legna in pochi ciocchi grandi. Deve anche essere semplice da caricare e permetterti di osservare l’andamento della fiamma. In generale considera che il carico deve avere grande autonomia.
  2. Scegli la porta migliore che non deve essere troppo grande rispetto al vano di combustione così eviterai la fuoriuscita di fumi. Dovrà essere posizionata in maniera frontale o sui lati, o essere presente nella parte superiore della stufa, e deve consentire un carico veloce e facile. Ricorda che anche il posizionamento è importante: la stufa dovrà garantire un accesso pratico che eviterà di inserire le mani nel vano del combustibile.
  3. Controlla bene le parti principali per l’apertura dello sportello: le maniglie e l’impugnatura devono essere costituite con un materiale che non si arroventa. L’apertura della porta non dovrà essere troppo semplice, ma allo stesso tempo non dovrai rinunciare alla praticità di utilizzo.
  4. Molto importante è anche controllare la qualità del vetro. Scegli un vetro temperato che resista al calore del fuoco, ma ricorda che andrà pulito spesso in quanto è soggetto ad annerire  facilmente. Mantenere il vetro pulito di consente di controllare le fiamme come in un caminetto classico. Ci sono tipologie di stufa che hanno degli speciali vetri detti autopulenti, ma ovviamente questa caratteristica farà alzare il prezzo.

Naturalmente oltre a saper acquistare la termostufa perfetta, dovrai tenere presente che l’assistenza pre e post installazione e l’assicurazione sono elementi da non trascurare in nessun caso.
Puoi avere dubbi sul corretto funzionamento, o sulla prima messa in funzione ed è per tali ragioni importante poter contare su un servizio di assistenza efficiente e competente.

La garanzia diventa un elemento imprescindibile, perché le problematiche che potrebbero sorgere, se non si è coperti, potrebbero portare ad un dispendio economico non indifferente per il ricambio di pezzi costosi e per la risoluzione del problema.

Altro fattore molto importante di cui dovrai tener conto è valutare di quanta potenza avrai bisogno per scaldare l’abitazione.

Devi tenere in mente i seguenti valori:

  • quanto è grande la casa, cioè i metri cubi che necessitano di riscaldamento;
  • la tipologia di isolamento della casa;
  • la presenza di doppi vetri;
  • eventuali pareti isolate;
  • qual è l’esposizione al sole dell’abitazione;
  • la tipologia di zona, umida o meno.

In generale, una buona coibentazione, un buon isolamento della casa, avrà bisogno di meno potenza. Dovrai fare un calcolo insieme ad un esperto che saprà consigliarti sia sulla tipologia di termostufa, sia su come posizionarla per avere il massimo del riscaldamento omogeneo.

Seguendo questi semplici consigli non avrai problemi nella scelta della termostufa a legna per la tua abitazione e per la consulenza dettagliata puoi contare sempre su Gruppo Cantarini.

Gli esperti di Gruppo Cantarini sono a tua disposizione per chiarire qualunque dubbio

Vieni a trovarci nello showroom di Gruppo Cantarini e chiedi consiglio ai nostri esperti. Il nostro staff è a tua completa disposizione per dubbi e informazioni su come scegliere la termostufa a legna e su molto altro.

Chiamaci allo 085 9461087 per maggiori info o scrivi a info@gruppocantarini.it. Ti aspettiamo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *