Come scegliere le piastrelle per il bagno?

climatizzatore come usarlo al meglio
Climatizzatore come usarlo al meglio? 6 consigli utili
1 Giugno 2018
quale vasca da bagno scegliere
Quale vasca da bagno scegliere?
14 Giugno 2018

Come scegliere le piastrelle per il bagno?

come scegliere le piastrelle per il bagno

Nella progettazione del bagno per la propria casa, si sa, la scelta delle piastrelle da utilizzare non è per niente scontata e, anzi, diventa un elemento da selezionare con estrema cura, in base allo stile che si sceglie di adottare per questo ambiente così importante.

Anche l’ambiente bagno, infatti, merita e richiede una sua propria progettazione accurata, che rispecchi perfettamente il nostro gusto e la nostra personalità, proprio come tutti gli altri spazi dell’abitazione.

Ma come scegliere le piastrelle per il bagno? Quali sono gli elementi da conoscere e considerare prima di buttarsi nella scelta? Come creare un ambiente armonico ed equilibrato?

Gli elementi da considerare, naturalmente, non riguardano solo l’estetica degli ambienti ma anche caratteristiche come la resistenza, la scivolosità, la facilità di pulizia.

Ecco a voi qualche consiglio utile per orientarvi nella scelta di un elemento da valutare con estrema cura, dato che resterà con noi per molto tempo.

come scegliere le piastrelle per il bagno

  1. Quale materiale scegliere?

I materiali generalmente più gettonati per il rivestimento di pavimento e pareti del bagno sono la ceramica e il grès porcellanato. Quest’ultimo in anni recenti sta riscuotendo davvero un notevole successo dato dal fatto che può riprodurre materiali diversi come il legno e la pietra naturale.

Questi materiali consentono, poi, di realizzare grandi formati e tagli anche molto sottili.

Anche la pietra naturale e quella acrilica vengono sempre di più scelte nei progetti legati al bagno, di grande tendenza e, anche qui, disponibili in molteplici varianti.

In ultimo abbiamo i rivestimenti in legno. Il teak, in particolare, è molto indicato in ambienti come bagno e cucina perché resistente all’acqua e all’umidità.

Fra tutti i materiali disponibili, naturalmente, la nostra scelta dipenderà in buona parte dall’estetica e dal gusto personale. Non dimentichiamoci mai che il bagno, come qualunque altro spazio della casa, deve rispecchiare la nostra personalità e il nostro essere.

come scegliere piastrelle per il bagno

  1. Quale dimensione?

Potete giocare anche sulla dimensione dei vostri rivestimenti per il bagno. Questa, naturalmente, cambierà in base al tipo di utilizzo e alla posizione.

Generalmente, nell’ambiente bagno si utilizzano tre diversi tipi di piastrelle: quelle per il pavimento, quelle per il rivestimento delle pareti e quelle per il rivestimento della doccia.

L’ideale è optare per lo stesso materiale e stesse finiture da declinare in grandezze e formati anche diversi, in base alla posizione. Questo donerà omogeneità e armonia all’ambiente.

Nel caso della doccia, poi, per un risultato ancora più particolare, potete scegliere il mosaico, oggi tornato di gran moda, grazie alle molteplici composizioni possibili.

come scegliere le piastrelle per il bagno

  1. Optate sempre per piastrelle resistenti

La resistenza delle piastrelle che andremo ad inserire nel nostro progetto bagno è fondamentale poiché questo è uno spazio in cui molteplici fattori si sommano insieme per mettere alla prova la durabilità dei nostri rivestimenti.

Occhio, quindi, a scegliere piastrelle resistenti ad usura e abrasione, alle macchie e al carico.

È molto importante optare per piastrelle resistenti, durevoli, di ottima qualità e dalle alte prestazioni. Assicuratevi che queste siano verificate e certificate tramite i valori riconosciuti a livello nazionale e internazionale, così da non pentirvi della scelta dopo giusto qualche anno dalla messa in posa.

  1. Quanto alla scivolosità?

Quando parliamo di bagno il fattore scivolosità è uno dei primi che viene naturale prendere in considerazione.

Dopo un bagno o una doccia calda, si sa, bisogna prestare attenzione per evitare il rischio di brutti infortuni.

Nella scelta della pavimentazione, dunque, si rivela della massima importanza valutare il coefficiente di scivolosità, il cosiddetto valore “R”. Generalmente, per usi residenziali, si utilizzano piastrelle dal coefficiente R9.

Naturalmente, anche la porosità del materiale stesso conta molto. Prima di propendere per una materia piuttosto che un’altra è bene valutare l’effettivo uso della stessa e l’ambiente in cui dovrà essere inserita.

come scegliere le piastrelle per il bagno

  1. Non dimentichiamo gli accessori

Una volta scelti i rivestimenti per il nostro bagno, che caratterizzeranno buona parte dello spazio e, dunque, costituiranno l’arredo predominante, non dimentichiamo mai di abbinarci i giusti accessori.

Per completare il bagno e creare un ambiente armonioso, infatti, è molto importante aggiungere accessori e complementi d’arredo di colori e fantasie che si sposano bene con i rivestimenti.

Tutto contribuirà a creare uno spazio armonico, equilibrato e gradevole alla vista.

Scopri come scegliere le piastrelle per il bagno da Gruppo Cantarini

Da Gruppo Cantarini troverai un team di esperti pronto a chiarire ogni tuo dubbio su come scegliere le piastrelle per il bagno e realizzare uno spazio studiato sulle tue necessità e sui tuoi gusti.

Affidati ai professionisti di Gruppo Cantarini e lasciati consigliare sui rivestimenti migliori per il tuo bagno.

Chiamaci allo 085 9461087 per maggiori info o scrivi a info@gruppocantarini.it. Ti aspettiamo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *