Vasche idromassaggio, il paradiso in casa…o fuori!
13 Agosto 2019
Mobili lavanderia: l’asciugatrice anche in un bagno piccolo
28 Agosto 2019

Rendering bagno, come farlo in modo realistico

Dai primi a quelli attuali, il mondo del rendering bagno si è evoluto moltissimo. Quali sono i motivi per i quali dovresti rivolgerti ad un professionista invece che provare da solo?

Dobbiamo essere sinceri, esistono tantissimi programmi che ti permettono di farti da solo un rendering, bagno o altri ambienti di casa che siano.
E allora, perché dovresti affidarti alla consulenza di Gruppo Cantarini invece che sederti tranquillamente nella poltrona di casa tua oppure alla tua scrivania e sbizzarrirti con creatività ed intuito?

Perché, al di la del divertimento che sicuramente ci sarebbe, avresti tutta una serie di problematiche. Che adesso ti illustro.

Rendering fai da te, quali sono i problemi?

Improvvisarsi professionista, di qualsiasi campo stiamo parlando, è sempre una cattiva idea. Perché l’idea di risparmio iniziale che abbiamo, si tramuta quasi sempre nello choc di dover spendere molto di più per poi mettere delle pezze sugli errori.
Celebre è l’esempio del marito che, per non chiamare l’idraulico, si improvvisa tubista e, a fronte di una ipotetica spesa iniziale di 100 €, si ritrova a spenderne 10 volte tanto, perché magari ha finito per danneggiare anche piastrelle e pavimentazione.

Quindi ecco il primo problema: rischiare di andare pericolosamente fuori budget.

E’ vero che esistono molti programmi per rendering bagno e anche per le altre zone di casa. Pochi però sono disponibili gratuitamente: sicuro di voler spendere per acquistarne uno che probabilmente userai la prossima volta tra 10 anni?
Quelli che puoi trovare gratuitamente sono molto limitati e ti danno molte meno alternative e varianti rispetto a quelle di cui avresti bisogno per progettare bene la tua stanza da bagno. Senza errori.
Inoltre, per facili che siano, hai comunque bisogno di avere delle competenze tecniche a monte:

  • alcune che ti permettano di usare lo strumento di rendering bagno
  • altre che ti permettano di prendere bene misure, distanze e di fare i calcoli giusti

Lo sai sì che devi inserire tutta una serie di numeri nel progetto, dalla metratura dello spazio, alla posizione degli scarichi a quella dei sanitari o degli elettrodomestici che potenzialmente vorresti inserire tipo lavatrice o asciugatrice.

E ancora, se andiamo squisitamente alla parte design, sei sicuro di conoscere perfettamente tutte le alternative di stile a tua disposizione? Perché prima di andare a posizionarle nel progetto rendering del bagno che immagini per casa tua, devi averle chiare davanti agli occhi per disegnare nella tua mente questo ambiente.

Perché preferire l’Immersive Render Cantarini

Che cosa cambia invece se vieni a trovarci in showroom e ci pensiamo noi a guidarti nel rendering bagno che abbiamo chiamato Immersive Render?

Ti faccio una lista di elementi positivi neanche esaustiva, ma che credo ti sia già sufficiente per prendere la decisione giusta:

  • usiamo la tecnologia Oculus, la più innovativa, che ti permette di vedersi costruire il bagno attorno a te e di vederlo da vari punti di vista
  • hai un progettista dedicato ed un consulente che ti segue all’interno del nostro showroom per valutare le scelte stilistiche prima toccandole con mano e poi posizionandole nel tuo bagno virtuale
  • puoi modificare il progetto in tempo reale tutte le volte che vuoi e nell’immediato
  • azzeri completamente il rischio di una realizzazione finale non corrispondente a quello che ti aspettavi

Che dici, ti bastano come motivi per venirci a trovare in showroom e preferire un lavoro professionale ad un rendering bagno fai da te?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *